Vai al contenuto
Giovedì, Agosto 21, 2014
   
Dimensione caratteri
logo_nuvolera

Cocaina - danni a breve e lungo termine

Effetti

Stimolazione del SNC con euforia, senso generale di benessere, diminuzione della sensazione di fatica, miglioramento del livello d’attenzione, sensazione d’aumento delle capacità di performance fisica e psichica con effetti disinibenti e diminuzione dei tempi di reazione. 

Scarsa precisione nelle prestazioni complesse, riduzione del senso di fame. Spiccata attività simpatico – mimetica a livello cardiocircolatorio, gastroenterico, e secrezioni mucose e cutanee. Stimolazione dei centri respiratori.Spiccata attività vasocostrittrice ed anestetica locale. 

Assunzione
Assunta per inalazione (via principale) o  iv.  

Assorbimento
Velocemente assorbita e con durata d’azione di 30 – 60 minuti), o più raramente via iv. (rapidamente assorbita con una durata d’azione di pochi minuti), per via sc. o im. (con assorbimento più lento e maggiore durata d’azione). 

Eliminazione
Attraverso il fegato, con una piccola quota immodificata nelle urine. 

Conseguenze immediate
Irrequietezza, violenza, senso d’energia, reazione psicotica acuta, allucinazioni piacevoli, nausea, vomito, tachicardia, ipertensione, midriasi, cefalea, convulsioni, annullamento del senso di fame e di sforzo fisico, delirio d’onnipotenza.

Conseguenze tardive
Tachicardia, ipertensione arteriosa, depressione, diminuzione della potenza sessuale, anoressia, allucinazioni visive, tattili e uditive,convulsioni, delirio di persecuzione, di grandezza e di gelosia, tendenza a comportamenti aggressivi, astenia, cefalea. 

Dipendenza fisica       60-70%    Dipendenza psichica  80-90%

Complicanze dell’abuso di cocaina 

Cardiovascolari
Crisi anginose, infarto del miocardio, collasso cardiocircolatorio, rottura di arterie e di aneurismi, endocardite, miocardite, ipertensione arteriosa crisi aritmiche. 

Neurologiche
Emorragie sub aracnoidee, febbre elevatissima o maligna, convulsioni tipo grande male, sindrome ticcosa. 

Polmonari
Edema polmonare, enfisema, bronchiolite obliterante, polmone da crack o pneumo mediastino. 

Epatiche
Necrosi dei lobuli epatici, epatiti B, C, Delta. 

Renali
Necrosi tubulare acuta, insufficienza renale. 

Psichiatriche
Ansia, panico, agorafobia, delirio, paranoia, sindrome confusionale, turbe mnesiche, demenza, insonnia cronica, sindrome depressiva. 

ORL
Perforazione del setto nasale 

Materno – Perinatali
Aborti, effetti teratogeni. 

Overdose
Depressione respiratoria, paralisi, coma, morte.


Crack

Farmacologia
Apparso nel ’85 negli USA, deriva dalla cocaina (1 gr di cocaina = 6 fiale di crack); si tratta di cocaina trasformata in una sostanza solida,mischiandone la polvere pura con bicarbonato di sodio od ammoniaca e dacqua. 

Conseguenze immediate
Molto simili a quelli della cocaina con forte aumento del ritmo cardiaco e della pressione arteriosa. Allucinazioni. 

Conseguenze tardive
Comportamento aggressivo, Mania suicida 

Durata dell’effetto
da 5 a 30 minuti 

Overdose
come per cocaina.

Dipendenza fisica    50%  Dipendenza psichica    100%


Nuvolera, 21 novembre 2009

Dr. Ernesto Giacò
Assessore Sanità, Igiene, Servizi alla Persona
Rapporti Istituzionali con Enti Vari, Personale
Membro C. di A. Azienda Speciale Consortile ambito 3 – Brescia est

Valid XHTML 1.0 Transitional
Copyright © 2014 Comune di Nuvolera. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
Sito deliberato da GiBiLogic